Contenuto Principale

TG 1000 Vani

Visualizza più grande

Mercato, futuro roseo e prezzi stabili Stampa E-mail
Mercato Immobiliare
Mercoledì 06 Aprile 2016 16:09

Transazioni in crescita fino al 2018. Non è solo una speranza, ma quello che si verificherà realmente, secondo quanto emerge dal rapporto realizzato dalla Rur (gruppo promosso dal Censis per valorizzare l’economia urbana). Uno studio realizzato seguendo le più rigorose metodologie internazionali e poi consegnato al Gruppo Yard. Il “Rapporto di Previsioni sul Real Estate Italiano 2016” ha effettuato una valutazione sugli andamenti delle transazioni e dei valori nel triennio 2016 – 2018, con proiezioni al 2026, per il mercato residenziale e (limitatamente al prossimo triennio) per quello commerciale, uffici e industriale/logistica, predisponendo una pluralità di strumentazioni. Da quanto emerge, il triennio 2016-2018 si presenta come un periodo di crescita delle transazioni favorito da una certa stabilità dei prezzi nei primi due anni e da una risalita dei valori a partire dal 2018.
La prima cosa che balza all’occhio è una normalizzazione e modernizzazione, del Real Estate italiano, basata su un più avanzato rapporto tra domanda e offerta. Il consumo abitativo risponderà sempre più alle effettive esigenze dei diversi segmenti sociali. Compravendite e prezzi seguiranno una tendenza che vedrà la crescita delle prime e uno stop dei secondi. Bisogna attendere il 2018 per avere la prima ripartenza. Si stima, infatti, che i prezzi possano segnare un nuovo massimo intorno al 2024 superiore a quanto raggiunto in precedenza.

 

Entrando nel dettaglio. Per quanto riguarda il comparto residenziale si assisterà a un aumento delle compravendite: +4,8% nel 2017 e +8,7% nel 2017  e +5,9% nel 2018. Per quanto riguarda i prezzi, continuerà il calo dei valori nel 2016 e nel 2017 di poco più del 2%, per tornare in campo positivo nel 2018 (+5,5%).

Le elaborazioni effettuate attraverso l’applicazione del Real Estate Italiano, rimarcano una forbice fra il comparto del nuovo e quello dell’usato. I valori del residenziale usato saranno più solidi nonostante la vivacità degli scambi. Ci sarà crescita dei prezzi al 2018 conseguente alla stabilizzazione delle compravendite. Per il nuovo invece l’andamento è il contrario del precedente. Sia per il mercato del nuovo che per quello dell’usato, a registrare le maggiori variazioni positive per le transazioni saranno soprattutto le città metropolitane (gli scambi passeranno da un indice Real Estate Italiano di 58,9 a 77,8 del 2018, così pure i valori da 57,2 a 77,8). La crescita dei prezzi potrebbe essere ancora più accentuate nelle città medie che in quelle metropolitane.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Aprile 2016 09:36
 
Aste immobiliari, valorizzare il ruolo del mediatore Stampa E-mail
Mercato Immobiliare
Sabato 02 Aprile 2016 09:38

Notizie importanti dal convegno sulle aste immobiliari organizzato da Ascomforma-Agenzia Formativa Confcommercio Cuneo, F.I.M.A.A.-Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari aderente a Confcommercio e Confabitare Cuneo-Associazione dei Proprietari Immobiliari.

Toccati temi come la disciplina dei "non performing loans", dei "saldi a stralcio", delle "aste immobiliari". «Gli obiettivi da perseguire sono molti come sostengono Paola Bertola e Sandro Colombo, rispettivamente consigliere e vice presidente F.I.M.A.A.Confcommercio della provincia di Cuneo tra questi, quello di svincolare il proprietario dell'immobile dal giogo del debito. La situazione degli "incagliati" è sempre più un problema per gli Istituti di Credito, le Aste spesso vanno deserte, il privato difficilmente approccia alle Aste credendole pericolose e per pochi. Tutto questo è risolvibile trasformando l'Agente Immobiliare in consulente professionista in grado di fornire un servizio ai clienti che oggi cercano un investimento redditizio. Molti "incagliati" potrebbero essere venduti prima del pignoramento, l'Agente Immobiliare nel suo ruolo principe di Mediatore, relazionandosi con tutti gli attori del processo, trova così nuovi sbocchi e opportunità di lavoro».

«Il servizio al proprietario immobiliare, investitore prosegue  Valerio Bacca, presidente Confabitare da parte di un Agente Immobiliare formato e specializzato è sicuramente ben visto dal nostro sindacato che, tutelando la proprietà, cerca di selezionare l'eccellenza della consulenza. I seminari hanno come obiettivo quello di garantire l'aggiornamento della figura del professionista della filiera immobiliare che oggi richiede una preparazione più ampia: competenze legali, tecniche, commerciali necessarie per assistere al meglio i clienti».

Il calendario dei prossimi appuntamenti Il percorso, iniziato con questo primo modulo, proseguirà con altre date e tematiche di attualità : Valutatore immobiliare la Norma UNI 11558 30 marzo 2016 Gestione di patrimoni immobiliari e valorizzazione 13 aprile 2016 La tutela dell'acquisto e il Rent to Buy 27 aprile 2016 La sicurezza nella gestione patrimoniale 25 maggio 2016 Per informazioni potete contattare la Segreteria Ascomforma tel. 0171604183 e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Aprile 2016 09:41
 
FIMAA, BANCHE PRESTO CONCORRENTI DEI MEDIATORI Stampa E-mail
Banche & Finanza
Mercoledì 06 Aprile 2016 09:17

La delicata professione dei mediatori e lo scenario delineato dagli ultimi cambiamenti normativi sono stati al centro di una serie di incontri organizzati in Toscana da Fimaa e Confcommercio. Presenti il presidente di Fimaa nazionale Santino Taverna oltre al legale di Fimaa Daniele Mammani. Il tavolo è stato l'occasione per fare il punto, oltre che sulle recenti novità legislative e giurisprudenziali, su un aspetto che sta diventando di primaria importanza ovvero l'ingresso degli istituti bancari - attraverso società appositamente create – nel settore della compravendita e delle locazioni immobiliari.

Un fenomeno, quello dell'avanzata delle banche, che potrebbe generare concorrenza sleale nei confronti dei mediatori abilitati ma anche e soprattutto ripercussioni negative e svantaggi anche per i clienti-consumatori. È difficile non pensare, infatti, che le società di intermediazione delle banche non sfruttino le proprie posizioni dominanti per compravendere immobili anche grazie al possesso di informazioni ‘sensibili’ e personali della clientela.

La parte di aggiornamento tecnico è stata curata dall'avvocato Mammani che ha illustrato gli ultimi strumenti introdotti dalla legislazione, come il leasing abitativo immobiliare, il prestito vitalizio ipotecario ed il patentino immobiliare europeo. Ampio spazio è stato dedicato al dibattito conclusivo, grazie al quale i partecipanti hanno potuto esporre riflessioni e problematiche legate a vari aspetti della professione.

Con questo ciclo di seminari, Fimaa conferma la sua attenzione verso la parte più strettamente formativa dell'attività di agente immobilare, oltre alla tradizionale funzione sindacale di assistenza e servizio per gli associati.

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Aprile 2016 09:31
 
Mercato, trend ancora in crescita Stampa E-mail
Mercato Immobiliare
Martedì 29 Marzo 2016 18:45

I primi mesi dell’anno hanno confermato la ripartenza del mercato immobiliare italiano, confermando quanto visto nel 2015. Il tutto è evidenziato da quanto riportato nel primo Osservatorio diffuso da Nomisma.
Interessante quanto accaduto nelle 13 città intermedie: Ancona, Bergamo, Brescia, Livorno, Messina, Modena, Novara, Parma, Perugia, Salerno, Taranto, Trieste e Verona. Le tendenze di questi mercati mostrano segnali più marcati rispetto a quelli delle grandi città, ad esclusione di Milano e Roma, che sembrano anticipare tali inclinazioni con aumento degli scambi, riduzione degli sconti praticati sui prezzi richiesti e stabilizzazione dei tempi di vendita. L'esiguità dell'offerta di qualità disponibile nei mercati maggiori (il 52,8% delle abitazioni italiane ha più di 40 anni) ha contribuito al parziale spostamento degli investitori verso i mercati di secondo livello.
A crescere con intensità maggiore sono le compravendite di abitazioni, che hanno fatto registrare un +3,6% nel 2015 e +6,5% nel 2016 (444.636 compravendite).

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Aprile 2016 16:25
 
No alle banche nel “Mattone”: sit-in di Fimaa Salerno Stampa E-mail
Eventi
Martedì 21 Aprile 2015 08:29

Agenti immobiliari di Fimaa in piazza per dire “no” all’ingresso delle banche nel mondo del “Mattone”: protesta pacifica a Salerno con tanto di piccolo corteo, sit-in in piazza Sedile di Porto, e striscioni e slogan contro gli istituti di credito che stanno provando in ogni modo ad entrare nel delicato settore, e con il rischio di una concorrenza sleale visto che lo stesso soggetto potrà vendere case ed erogare mutui.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 42
Ricerca / Colonna destra

MILLEVANI.it Napoli - Sfogliabile

MILLEVANI.it Salerno - Sfogliabile

Millevani.it

Ultimi annunci da MilleVani - Cerca case ed appartamenti a Salerno, Napoli e provincia
Vendita case, ville ed appartamenti in provincia di Salerno e Napoli

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Seguici su Facebook

Meteo